domenica 9 gennaio 2011

Configurare manualemte la scheda di rete tramite il file /etc/network/interfaces su Ubuntu

Ubuntu, come praticamente tutte le distribuzioni GNU/Linux dotate di un desktop environment, mette a disposizione dei loro utenti un tool, nel nostro caso Network Manager, per la configurazione delle impostazioni di rete.

Ma come possiamo configurare la scheda di rete se Network Manager non dovesse funzionare?

Ubuntu memorizza le impostazioni relative alle schede di rete all'interno di alcuni file tra cui

/etc/network/interfaces

e

/etc/resolv.conf

e sono esattamente questi file che dobbiamo modificare se vogliamo configurare manulamente le impostazioni della scheda di rete.

Per prima cosa apriamo il file

/etc/network/interfaces

tramite il comando


sudo gedit /etc/network/interfaces


Il file /etc/network/interfaces e’ suddiviso in blocchi, ognuno dei quali definisce un’interfaccia di rete. Se è la prima volta che configuriamo manualmente la nostra scheda di rete all'interno del file sarà presente solo il blocco relativo all'interfaccia di loopback lo del computer (indirizzo 127.0.0.1), ed e’ il seguente:


auto lo
iface lo inet loopback


La prima riga con l’opzione auto indica al sistema di configurare questa interfaccia automaticamente ad ogni avvio. Il comando iface, contenuto nella seconda riga, indica la sezione che definisce un’interfaccia, l’interfaccia e’ lo, viene utilizzato il protocollo IPv4 (inet) e viene configurata come loopback.

Per configurare la nostra scheda di rete dobbiamo inserire,
dopo il blocco appena visto, quello relativo alla nostra scheda. Se vogliamo ad esempio configurarla con un IP statico dobbiamo inserire la seguente porzione di codice:


iface XXXX inet static (Scheda di rete. Esempio: eth0)
address xxx.xxx.xxx.xxx (Indirizzo IP. Esempio: 192.168.0.20)
netmask xxx.xxx.xxx.xxx (Subnet mask. Esempio: 255.255.255.0)
network xxx.xxx.xxx.xxx (Indirizzo di rete. Esempio: 192.168.0.0)
broadcast xxx.xxx.xxx.xxx (IP broadcast. Esempio: 192.168.0.255)
gateway xxx.xxx.xxx.xxx (Gateway. Esempio: 192.168.0.1)

Nel caso invece in cui ci troviamo in presenza di un server DHCP e vogliamo che sia questo ad assegnare automaticamente l'indirizzo IP dovemo inserire la seguente riga di codice:


iface eth0 inet dhcp


I due esempi visti sopra (static e dhcp) possono contenere anche altre opzioni, ad esempio:


allow-hotplug eth0
iface eth0 inet dhcp


La prima riga dell'esempio precedente serve in particolare per far configurare l’interfaccia eth0 appena viene identificata ed è un’opzione molto utile nel caso di schede di rete USB. In caso contrario è sufficiente l’opzione auto:


auto eth0
iface eth0 inet dhcp


Quelle proposte sino ad ora sono configurazioni veramente di base, ma basta dare un’occhiata al manuale di interfaces:


man interfaces


per rendersi conto delle enormi possibilità offerte e delle opzioni possibili.

Terminata la configurazione del file
/etc/network/interfaces dobbiamo passare al file /etc/resolv.conf. Questo file contiene l'elenco dei server DNS utilizzati dal sistema. Se i server DNS non vengono assegnati automaticamente dal servizio DNS dobbiamo aprire il file con il comando


sudo gedit /etc/resolv.conf


I dati contenuti in questo file sono strutturati in maniere molto semplice:


nameserver [indirizzo IP del server DNS]


Ad esempio inserendo

nameserver 156.154.70.22

verrà utilizzato il server DNS 156.154.70.22.

Terminata la modifica dei file vi basterà digitare da terminale il comando


ifup eth0


per attivare la scheda di rete.

Fonti:
- http://idl3.wordpress.com/

ShareThis